Unione Europea e autonomie

Occorre evitare che il progetto degli Stati Uniti d’Europa si riduca a uno slogan da contrapporre, com’è avvenuto nelle ultime elezioni per il Parlamento Europeo, ai movimenti sovranisti.

I popoli europei che hanno ceduto quote consistenti delle proprie sovranità sono caratterizzati senz’altro dall’appartenenza a un’unica matrice culturale, ma, allo stesso tempo, presentano differenze importanti, impossibili da azzerare.

La risposta a questo problema, la coesistenza tra identità differenti in un unico progetto (finalmente) politico, non può che passare attraverso le autonomie territoriali. L’Unione Europea dovrà diventare un’unione di autonomie, che consentano ai cittadini il recupero di quella dimensione comunitaria entro la quale può esplicarsi
al meglio l’eguaglianza e in cui le grandi complessità dell’età postmoderna possono acquisire una dimensione più umana.

Leave a Reply

Your email address will not be published.